TITOLO 2018 3 bottiglie con cofanetto di legno

 

Pagamento sicuro con PayPal

 

Spedizioni gratuite per odini oltre 200 euro.

È probabilmente una delle migliori annate di sempre insieme alla 2015 e alla 2013 L'annata 2018 è stata molto fredda in inverno con neve a Dicembre e Febbraio.

La neve e le basse temperature sono molto importanti per il riposo vegetativo e la sanificazione dei vigneti da agenti antagonisti. Una nuova nevicata c’è stata a Marzo (18-19) durante i lavori di potatura invernale. In primavera abbiamo avuto una buona quantità di piogge (Aprile - Maggio) e temperature normali per la stagione sul Vulture (con le tipiche escursioni termiche di oltre i 10-12°).

Giugno, come spesso nel Vulture, è il mese delle piogge importanti, che servirà da riserva idrica per l'estate, anche grazie al particolare suolo vulcanico di cui disponiamo. La "pozzolana" è igroscopica e con la diversa stratificazione, immagazzina l'acqua in profondità, rilasciandola lentamente durante i mesi estivi, permettendo alle viti, impiantate molto strette, di non andare in stress idrico.

Settembre è il vero mese di maturazione dell'Aglianico con l’invaiatura che inizia intorno alla metà del mese, per terminare a fine ottobre. Temperatura calda durante il giorno (30 ° C max) e bassa nella notte (14-16 °).

La vendemmia a perfetta maturazione è iniziata il 23 ottobre e si è conclusa il 27 ottobre.

VINFICAZIONE

L'uva raccolta in piccole ceste viene direttamente portata in cantina, selezionata e diraspata. Ad acini quasi interi viene immessa nelle cisterne d'acciaio per la fermentazione alcolica (la macerazione dura lo stesso tempo della fermentazione). Segue svinatura e soffice pressatura con pressa a polmone.

La fermentazione malolattica viene svolta in barriques da 200 lt (50% nuove) per totali 12 mesi di affinamento. Ulteriore affinamento di 12 mesi in bottiglia prima della commercializzazione.

NOTE DEGUSTATIVE

Colore rubino intenso con spiccati riflessi granati. Profumo ampio e complesso, minerale decisamente fruttato ed etereo in gioventù con nitidi sentori speziati.

Sensazioni spiccate di ciliegia e confettura di frutta, ribes, rosmarino, tabacco e cannella. Sapore secco, caldo, ampia struttura e persistenza aromatica e lungo finale. Vino di spiccata personalità e rappresentatività del territorio, destinato ad un grande futuro.

SUOLO

Vulcanico composto da strati di roccia vulcanica (pozzolana), lapilli, ceneri intervallati da strati di argilla (stasi del vulcano).

EF0032018

Scheda tecnica

Annata
2018
Denominazione
Aglianico del Vulture
Affinamento
12 mesi in barrique da 200 litri + 12 mesi in bottiglia
Regione
Basilicata - Barile (PZ)
Varietà
Aglianico del Vulture 100%
Sistemi di allevamento
Guyot corto, Capanno volturino
Sovescio
Favino coltivato in azienda
Solfiti
Massimo 2 mg/lt
Grado alcolico
14%
T di servizio
16-18° C
Decantazione
Minimo 30 minuti
Ettari vitati
6 ha
Età vigneti
50 - 70 anni